1979 - 1984: 06 - Il periodo proprio proprio creativo

Io nel 1980, a casa del mio amico Giorgio

Alla fine del 1979 smisi di fare attività politica (la mia attività di militante a tempo pieno era durata un anno ma era stata vissuta pienamente e profondamente) e iniziai un periodo eccezionalmente creativo.
Mentre cercavo di suonare ogni possibile strumento musicale, cercavo di praticare ogni possibile tecnica artistica, dalla fotografia alla grafica con aerografo, dall’aquarello alla performance dal vivo.

Il numero di cose che sono riuscito a fare in quegli anni mi stupisce. Studiavo Architettura all’Università (molto lentamente, in realtà) e allo stesso tempo avevo iniziato una piccola attività di fotografo (matrimoni, ritratti e un po di still–life per cataloghi), facevo anche lavori di grafica (manifesti e biglietti da visita personalizzati, insegne per negozi e simili).

Aiuto burattinaio nel 1981. Questa è l’unica immagine che ho insieme a Giorgio in uno spettacolo. Io sono venuto benissimo, ma il volto di Giorgio è coperto (maledizione!).

Ero anche diventato apprendista burattinaio.
Non ero molto bravo a muovere marionette e burattini. Nello spettacolo di Giorgio Pupella “La mano dispettosa”, mi limitavo a suonare il violino e a curare luci e suoni.
Il gruppo si chiamava Teatro del Coccodrillo. Giravamo per le feste di piazza del nord Italia con un decrepito furgone Fiat 238 a metano. La prima volta che l’ho guidato ho divelto una cabina del telefono.
Giorgio ha continuato il lavoro e ora vive in Francia ed è un apprezzatissimo burattinaio e teatrante.
Suonavo in almeno quattro gruppi musicali diversi (talvolta anche due per volta).

Io nel 1979

Finalmente avevo anche delle fidanzate (talvolta più di una).
Nell’estate del 1982 iniziai il progetto Iperspazio. Mai finito, ma tuttora in corso, pezzetto per pezzetto in questi anni.
Nel 1983 misi le mie mani su un pocket computer (uno Sharp PC-1500) e cominciai a imparare a programmarlo.
Poi venne un Apple IIc.
Il mio romanzo “Mercedes” iniziò nell’autunno del 1984.
In Novembre cambiò tutto. Era iniziato il mio servizio militare.

Storia Minima
  • Nel 1979 Andrea Gamba è alto 1,80 e pesa 62 Kg;
  • Ha i capelli lunghi e biondo scuro;
  • É creativamente di sinistra;
  • Fuma Camel.
  • Beve birra e qualche volta un martini cocktail. Comincia ad apprezzare whisky canadese e bourbon.
  • Ha pochi soldi ma si arrangia e non è del tutto in miseria.
  • Legge fantascienza (Shekley) e fumetti francesi (Moebius, Bilal…).
  • Ascolta Steeleye Span, Jefferson Airplane.
    Immagini
    1979 – ho una macchina! Si tratta di un fatiscente Citroen Dyane 6 rossa di seconda mano (qui verso la fine della sua carriera).
    1981 – autoritratto con la mia nuova macchina fotografica russa Salyut C.
    1981 – la mia stanza, due viste fatte con una singolare fotocamera panoramica avuta in prestito.
    1982 – Io a un festival di musica country.
    1982 – Progetto Iperspazio. Il set.
    1983 – Live al Palasport di Genova con la mia band: I Fried Chicken Special.
 

⇐    PRECEDENTE    –    PROSSIMO    ⇒