Archivi categoria: Varie & Eventuali

Thunk! Comics

I famosi Thunk! Comics con le avventure e i disastri mentali di Andy Bippo. Dal 2013 ad oggi.
Per ora solo in Inglese.
Prossimamente anche in Italiano, scaricabili in formato PDF.

  • Thunk! 01

    La VIta, l’Universo e Tutto Quanto I famosi Thunk! Comics con le avventure e i disastri mentali di Andy Bippo. Per ora solo in Inglese. Dal 2013 ad oggi. Scaricabili in formato PDF.

  • Thunk! 02

    Il Grande Dilemma del Liverwurst I famosi Thunk! Comics con le avventure e i disastri mentali di Andy Bippo. Per ora solo in Inglese. Dal 2013 ad oggi. Scaricabili in formato PDF.

  • Thunk! 03

    I famosi Thunk! Comics con le avventure e i disastri mentali di Andy Bippo. Per ora solo in Inglese. Dal 2013 ad oggi. Scaricabili in formato PDF.

  • Thunk! 04

    I famosi Thunk! Comics con le avventure e i disastri mentali di Andy Bippo. Per ora solo in Inglese. Dal 2013 ad oggi. Scaricabili in formato PDF.

  • Thunk! 05

    I famosi Thunk! Comics con le avventure e i disastri mentali di Andy Bippo. Per ora solo in Inglese. Dal 2013 ad oggi. Scaricabili in formato PDF.

  • Thunk! 06

    I famosi Thunk! Comics con le avventure e i disastri mentali di Andy Bippo. Per ora solo in Inglese. Dal 2013 ad oggi. Scaricabili in formato PDF.

  • Thunk! 07

    I famosi Thunk! Comics con le avventure e i disastri mentali di Andy Bippo. Per ora solo in Inglese. Dal 2013 ad oggi. Scaricabili in formato PDF.

  • Thunk! strip 01

    I famosi Thunk! Comics con le avventure e i disastri mentali di Andy Bippo. Per ora solo in Inglese. Dal 2013 ad oggi. Scaricabili in formato PDF.

Alan Terna

La collezione completa delle copertine dei gialli di Alan Terna, l’investigatore genovese. Tra queste anche le due create da Marco Vimercati.

Il Bosone di Masone
Un caso di Alan Terna, il famoso investigatore di Rivarolo. L'acceleratore di particelle di Masone funziona male perché piove sempre o perché qualcuno ha interesse a sabotarlo?

L'effetto Serra Ricco
Un altro caso di Alan Terna, l'investigatore genovese. Lo scienziato Archimede Pittaluga ha davvero causato lo spostamento dell'asse terrestre come aveva minacciato?

L'effetto Serra Ricco
Un altro caso di Alan Terna, l'investigatore genovese. Lo scienziato Archimede Pittaluga ha davvero causato lo spostamento dell'asse terrestre come aveva minacciato?

Lo Sciatapulli Mannaro
Alan Terna affronta un difficile caso. Da Neirone a Carasco, i pollai vengono visitati, nelle notti di luna piena, da un essere mostruoso. Le galline terrorizzate non fanno più uova. Che fare?

Gli Incerti Laxerti
Un nuovo caso per Alan Terna. Gli sgombri si interrogano sui motivi della loro esistenza. Forse meditano vendetta. Una falange di laxerti consapevolmente infuriati potrebbe riversarsi in qualunque momento sui poveri abitanti del Genovesato. Riuscirà Alan Terna a porvi rimedio? L'umanità è condannata?

Vedi Genova e poi Sori
Una serie di cataclismi e sventure si abbatte sul nostro eroe. E' mai possibile che Alan Terna non sia sopravvissuto ai nefasti eventi? E' forse la sua ultima avventura?

Nervi a fior di pelle
Un altra avventura di Alan Terna, scritta con lo pseudonimo di Arthur Conan Doria e illustrata da Marco Vimercati

Luasso piglia tutto
Un'ennesima avventura di Alan Terna, scritta con lo pseudonimo di Arthur Conan Doria e illustrata da Marco Vimercati

previous arrow
next arrow
Slider

La Gatta Trilli

May 1999: Trilli è appena arrivata a casa

Trilli era una gatta a tre colori (femmina, naturalmente. I gatti a tre colori sono SEMPRE femmine. Non lo sapevi?).
All’inizio la chiamammo Shan–Pu, come un personaggio del cartone animato Ranma 1/2, ma dopo poco tempo il vero nome venne fuori per conto suo ed era Trilli (tra l’altro, chiamare Shan-pu-uuu dalla finestra per farla tornare a casa è più imbarazzante che chiamare Tril-liiiiii!)
Trilli nacque intorno al primo di Maggio del 1999. La trovò Anna, mia moglie in una scatola di cartone abbandonata su un marciapiede di Campi, nella periferia di Genova, insieme a suo fratello, Freak. Freak trovò famiglia presso una collega di Anna.

Trlli da giovane
la giovane Trilli sul tavolo del giardino

Col passar degli anni era diventata una gatta di considerevoli dimensioni, dotata di una forte personalità. Amava mangiare pesce crudo, dormire sul divano e, naturalmente, sterminare ogni piccola creatura che passava nei dintorni.
Per qualche anno Trilli fu un po’ sovrappeso e arrivò alla notevole stazza di 7kg!

A Trilli piace pensare a quale dovrebbe essere la sua collocazione nella catena alimentare.

Trilli aveva due peculiarità rare:
Non rubava il cibo! La si poteva lasciare sola in casa con un grosso pesce sul tavolo della cucina Non sarebbe successo niente di male. Davvero!
Diceva sempre “ciao” quando tornava a casa dai suoi giri (in realtà non proprio “ciao”, piuttosto una cosa tipo “mrrraoo”)
Purtroppo, Trilli morì a soli 13 anni nel Luglio 2012. Ancora piuttosto giovane per un gatto.

Aprile 2012 – Una delle ultime foto di Trilli
Video
Filmato: La giovane Trilli
FIlmato: Trilli nel 2011
 
Immagini
2003 – Trilli pensa alla punizione che ti meriti per averla svegliata solo per farle una stupida foto.
2005 – Neve? Cos’è? Sembra intressante…
Dieci minuti dopo si era totalemte smarrita nei giardini dei vicini e fu necessatio organizzare una missione di ricerca e soccorso.
2007 – Vestita per uccidere.
2004 – Trilli mi aspetta sul vialetto di casa. Riconosce il rumore della mia moto e mi accompagna fino alla porta.
2006 – Cosa intendi con “Basta pappa?” Si vede benissimo che hai un cucchiaio in mano!
2009 – Trilli e Mongo (uno dei suoi pelouche preferiti).

La Motocicletta Olistica

Gli inizi
Il Ducati Scrambler (e il Ducati Desmo). La pubblicità che nel 1971 mi ha fatto innamorare dell’idea di avere una moto il più presto possibile.

Quando ero un ragazzino sognavo di avere una moto. Il mio primo atto cosciente di devozione fu mettere una cartolina tra i raggi delle ruote della bicicletta in modo da produrre un rumore motociclistico. Poi pedalavo come un pazzo nel cortile. Con grande disappunto del vicinato. Tra l’altro, le cartoline utilizzate si usuravano abbastanza velocemente e esaurii rapidamente la collezione di mia madre. Lei non ne fu felice.
Nei primi anni ’70 mi innamorai perdutamente del Ducati Scrambler, complice anche una pubblicità letta su una rivista. Ma ero ancora troppo giovane e, in ogni caso, mia madre non avrebbe mai permesso a me di possedere e guidare un dispositivo mortale. Rispettai a tal punto la volontà di mia madre che la mia prima moto arrivò solo dopo la sua morte (imbarazzante…).

Cosimo (Giorgio), padre di mia moglie e grande motociclista

Fu un Vespino 50cc. Ma poco dopo arrivò una Vespa 150 e poi finalmente (eravamo nel 1999) la mia prima vera e propria moto. Una Kawasaki GPZ 550 usata, pagata incredibilmente poco. Riuscii a montare un paio di borse Krauser (ricevute come pagamento per un sito web) e la Kawasaki quella stessa estate, gentilmente trasportò me e mia moglie (ero diventato un uomo sposato, nel frattempo) fino a Cherbourg in cima alla Normandia, giusto in tempo per vedere l’eclissi totale di sole.
Anna, mia moglie può vantare meriti importanti nella mia motorizzazione. Suo padre era un appassionato collezionista di moto inglesi e un biker assolutamente fuori dell’ordinario.

Il mio punto di vista
Dal 2003 al 2017 – La mia fidata R65

La cosa che preferisco fare in moto moto è viaggiare. In giro per l’Europa, per lo più. Purtroppo, essendo cronicamente senza un soldo, la maggior parte dei miei viaggi sono costituiti dalla routine quotidiana casa-lavoro e ritorno. Con il sole e con la pioggia, immerso nel traffico cittadino.

Alcuni anni fa (2005), uno dei miei idoli sportivi (ho pochissimi idoli sportivi. Non seguono nessuno sport), il motociclista Fabrizio Meoni, morì di infarto, mentre saltava sopra una duna sulla sua moto durante la Dakkar all’età di 47 anni.
Aveva esattamente la mia età. Piuttosto anziano per un motociclista in gara.
Da allora mi immagino colpito da infarto mentre indosso la tuta da acqua, dopo la prima colazione, mentre mi preparo per andare al lavoro (che vergogna…).

Il concetto olistico nelle motociclette
Il motociclista olistico

La moto è un vero oggetto olistico. Non importa quanto piccolo è il dettaglio che modifichi e l’intero oggetto ne sarà interessato. Particolarmente la mia moto. Ad esempio, se una farfalla batte le ali in Brasile. La dannata moto non si avvia. Veramente nonsi avvia anche in molte altre occasioni, ma io preferisco dare la colpa alla f***uta farfalla dal Brasile.

L’angolo dello scooter

Come molti motociclisti, nutro un certo odio per gli scooter. Anche per i conducenti di scooter. Presumo che gli scooter siano troppo facili da guidare e questo sia il motivo per cui nel traffico vanno tutto il tempo più veloci di me.

Cliccando QUI è possibile scaricare un pdf full-size (7mb) del poster sulla destra che dimostra la mia teoria dell’evoluzione delle due ruote.

Immagini

Un fumetto di 1970 ha svolto un ruolo importante nel mio futuro gusto per le moto. Odd Bodkins, da Dan O’Neill
L’arrivo a Mont Saint Michel con la Kawasaki. Un momento di grande soddisfazione.
2001 – vicino a Poitiers, Francia, con la vecchia BMW R65
 
 
 

Iperspazio

Il Progetto Iperspazio

Iperspazio
Andrea Gamba 1980

Il cosiddetto “salto nell’ iperspazio” comporta, per motivi apparentemente banali, che tra i due “continui” in cui si induce la ”discontunuità“ che genera il fenomeno medesimo, avvenga uno ”scambio“ la cui deteminazione a priori presenta notevoli difficoltà.

E’ lecito considerare che il “salto nell’iperspazio” avvenga in tempo reale.

La “discontinuità” di cui si parla è assimilabile a una situazione in cui due insiemi si trovino grazie ad un artificio coincidenti in un punto per un tempo che tende a zero.

Da questi presupposti si potrebbe erroneamente concludere che l’iperspazio sia più una operazione che non una entità fisica.

The studio allestito per il progetto Iperspazio nel 1982

Ascolta Hyperspace

Mercedes (il romanzo)

…poche ore prima aveva incontrato una ragazza che aveva avuto la sfortuna di nascere da genitori appassionati di macchine tedesche. O di balli spagnoli…

Ho iniziato ‘Mercedes’ nel 1984. Avevo appena portato a casa il mio primo personal computer (un Apple IIc) e, visto che avevo a disposizione un programma di scrittura, cominciai a battere sulla tastiera del testo a casaccio, riguardante una cosa che mi era successa qualche giorno prima in un bar. Un ragazza mi aveva chiesto una moneta per il juke-box; io le avevo chiesto il nome; lei mi aveva risposto: “Mercedes”. Io avevo risposto con la più prevedibile delle battute. Per qualche motivo avevo deciso da conferire dignità letteraria a questo evento. Dato che io sono uno scrittore scarsamente produttivo, in 25 anni ho scritto a stento quello che nella migliore delle ipotesi è poco più che un racconto lungo. A questo punto, ho deciso di mettere quello che c’è in linea a disposizione di chi lo vuole leggere. E’ un po’ autobiografico e un po no. Lo stile si è ispirato, nei decenni a quello che leggevo in quel periodo. Woody Allen all’inizio, poi Douglas Adams e più di recente Robert Rankin. Ogni tanto lo rileggo e cambio qualche cosa. Se vivo per altri duecento anni forse lo finisco. Il testo è solo in italiano. Anche se io sono abbastanza orgoglioso del mio Inglese, non credo di poter gestire la traduzione di un romanzo completo (anche se piuttosto breve).

Scaricate e leggete Mercedes

alt-clic per scaricare Mercedes in formato ePub per  iPad o Apple Macintosh. Versione Ottobre 2012. (NB Il file è compresso in formato .zip)

alt-clic per scaricare Mercedes in formato pdf per qualsiasi dispositivo. Versione Ottobre versione 2012

 

Mercedes è © andrea gamba 1984 tutti i diritti riservati questo romanzo può essere scaricato e letto, senza limitazioni. Questo romanzo non può essere pubblicato o utilizzato in qualsiasi forma, integralmente o in porzioni, senza il permesso esplicito dell’autore.

Una cosa buffa
Apple IIc. Dove tutto è iniziato.

La scrittura di Mercedes è iniziata su un Apple IIc, è continuata su un Apple IIGS, poi su un Macintosh Plus, e successivamente su almeno altri 10 PC, con sei o sette differenti software di elaborazione testi, convertendo pazientemente tutto di volta in volta.

Ha iniziato il suo viaggio da un computer all’altro su floppy disk da 5″ capaci di 140K e ora risiede su un cloud.